Articoli marcati con tag ‘cementificazione’

Gli effetti del PGT

Ecco come una villetta in via Zara viene trasformata in un palazzo. Grazie agli aumenti dell’indice di fabbricazione del nuovo piano ora si avranno dodici appartamenti invece dei due precedenti più box camion

….e, secondo un comitato, il “verde” a Vittuone è il 70%

A Vittuone la percentuale di cementificazione del territorio è la più alta del magentino, ma un comitato elettorale continua a diffondere dati fasulli sulla percentuale di verde a Vittuone che non hanno alcun valido riferimento. La diffusione di cifre falsate era già stata fatta dal Comune ai tempi della presentazione del PGT, con il camper pubblicitario, e ora si ritorna con la solita balla già smentita facilmente a suo tempo con gli stessi dati ufficiali del PGT, approvati dalla maggioranza. Ritornano anche le nostre osservazioni: il 70% di verde a Vittuone non si raggiunge nemmeno comprendendo le erbacce sui marciapiedi e le fioriere sui balconi dei palazzi.

A cura del Capogruppo Consiliare Enrico Bodini

La cementificazione del bosco del Bacin

Come sistemare la piazza Guido Rossa: querce di oltre 20 anni tagliate!

Guardate le foto e valutate voi stessi se questa è una Amministrazione con un minimo di sensibilità ambientale.

Basta chiacchiere! Ecco 13 domande per stabilire chi sono i cementificatori di Vittuone

Nonostante i nostri documenti pubblicati, il comitato Tenti s’arrampica sugli specchi per sostenere la sua verit e smentire le nostre presunte bugie. Semplifichiamo il confronto e agevoliamo la ricerca della verit invitando Tenti e il comitato a rispondere semplicemente SI o NO a queste domande:

1. L’area fra le vie Baracca, Pellico e Bixio, dove sono in corso attualmente delle costruzioni residenziali private, che destinazione avevano nel PRG? Non era forse prevista una residenza pubblica protetta per anziani e handicappati?

2. Questa area non è stata forse variata dalla attuale amministrazione in residenziale privata?

3. L’area dove sorge oggi la residenza sanitaria assistita in via Milano era prevista nel PRG come verde pubblico attrezzato?

4. Il Comune, avendo deciso di fare in via Milano la residenza sanitaria assistita, avrebbe dovuto lasciare a verde pubblico l’area dove era prima prevista la struttura per anziani nelle vie Baracca, Pellico e Bixio?

5. La ex palazzina uffici della Royalite davanti alla stazione ferroviaria, che destinazione aveva nel PRG? Era pubblica per servizi comunali (farmacia, sede associazioni)?

6. Questa palazzina ha oggi un piano abitabile in più ed è stata variata dalla attuale amministrazione da destinazione pubblica in residenziale privata?

7. Sul piano di lottizzazione ex Royalite è stato concesso il 10% di volume in più rispetto a quanto previsto dal PRG? (su dieci palazzi, uno in più gratis).

8. Sui piani di lottizzazione intorno al Palo è vero che la volumetria è stata aumentata del 10 % rispetto a quanto previsto dal PRG?

9. Sul PP2 di via Ghidoli, qualcuno l’ha chiamato il fortino di Vittuone, l’attuale amministrazione sta concedendo ad alcuni palazzi un piano in più, sempre esente da oneri, rispetto al volume previsto dal PRG ed ha eliminato il progetto di edilizia economica convenzionata?

10. L’area dove è sorto un nuovo ristorante in via Madonna del Salvatore non era forse agricola nel PRG?

11. Questo nuovo ristorante è stato obbligato ad uscire dal centro di Vittuone dal PRG?

12. L’area dove sorgono esposizioni commerciali in via Madonna del Salvatore non era forse agricola nel PRG?

13. Tutte le aziende che sono insediate nel nuovo PIP avevano prima la sede produttiva a Vittuone?

NOTA
Sostenere che l’area dove sorger il centro commerciale non aveva nessuna destinazione d’uso nel PRG è incredibile ed è sostenibile solo da chi non sa che cosa è un PRG: la sua destinazione era semplicemente agricola.

Non ricordo casi a Vittuone di risarcimento danni a cui è stata costretta l’Amministrazione Comunale per varianti fatte al PRG “che hanno comportato negazione di diritti ai proprietari? . Se, assieme alle risposte delle domande sopra poste, mi verr data una spiegazione più dettagliata, potrò certamente dare una risposta.

(FINE PRIMA PUNTATA)

Il “Buon Governo Portaluppi? e il suo “obbligo? a cementificare

All’avvicinarsi della campagna elettorale Forza Italia mostra gi segni di nervosismo.
La scelta democratica del candidato Sindaco dell’Unione con le Primarie è definita una farsa sul loro volantino. Solo chi non è abituato alla democrazia può definire così la partecipazione dei cittadini.
Sostengono di essere stati costretti a cementificare Vittuone per colpa del PRG fatto dalla passata Amministrazione di sinistra.
E’ un’accusa incredibile e facilmente smontabile. Nel 1975, con l’elezione della prima giunta di sinistra, furono bloccate due mega lottizzazioni che avrebbero compromesso per sempre il territorio di Vittuone, avrebbero reso impossibile la successiva realizzazione dell’Istituto Superiore di via Zara, del centro sportivo Sandro Pertini e di conseguenza del parco Lincoln, della piazza del mercato. L’allora assessore all’edilizia che aveva portato in Consiglio Comunale le due mega lottizzazioni era l’attuale Sindaco Portaluppi.
Se quelle lottizzazioni non fossero state annullate oggi avremmo avuto solo case e poi case, ma la nuova Amministrazione di sinistra è subito intervenuta, fu variato il piano, e non si ebbe nessuna contestazione legale.
Forza Italia e la Giunta vogliono costruirsi un comodo alibi che però non sta in piedi: sostengono che non potevano modificare il PRG e l’hanno variato 11 volte, compreso il centro commerciale e la trasformazione dell’area fra via Bixio e via Baracca, da Casa per Anziani in edilizia residenziale privata. Poi ancora hanno approvato piani di lottizzazione aumentando superfici edificabili e il volume previsto dal PRG. Come in via Milano e in via Ghidoli. Vedrete che nel prossimo Consiglio Comunale daranno la possibilit di un piano abitabile in più in alcuni palazzi per “questioni estetiche? (sempre variando l’invariabile Piano).
Ma la trasformazione di 62mila metri quadrati di aree da agricolo ad industriale, (quelle del nuovo ristorante di via Madonna del Salvatore e limitrofe) non sono state decise da questa Amministrazione? Dove sono le bugie che raccontiamo? Non capiamo poi perché si è evidenziato il costo del vecchio PRG: 122 milioni di lire per un lavoro durato 4 anni, mentre il nuovo PGT è stato affidato per un importo di 107.712,00 euro, poco meno di 210 milioni di lire, ossia quasi il doppio.

Nella prossima campagna elettorale non accetteremo questi toni arroganti e sguaiati: vogliamo confrontarci seriamente con argomenti validi, concreti ed in modo civile. Non abbiamo interessi da difendere se non quelli di tutti i cittadini. Se ci accompagnerete in questo cammino, presto avremo un’Amministrazione capace davvero di ascoltare tutti.